I saggi su InterLex

Frattini e il Grande Fratello: prove tecniche di neolingua

InterLex n° 359, 17 settembre 2007

Il destino è si è beffardamente accanito contro un capolavoro letterario: uno straordinario testo del secolo scorso carico di profondi significati, di agghiaccianti premonizioni, di disperate denunce, passato tuttavia alla storia solo per l'abuso di significato che i posteri hanno fatto di un "felice" termine che in esso compare. Parlo ovviamente di 1984 e del suo "Grande Fratello", figura drammatica che oggi è semplicemente un sinonimo archetipico dei più estremi e volgari reality show della nostra televisione. Marchiato come "fantascienza ucronica" o tutt'al più fantapolitica, 1984 è un capolavoro che dovrebbe essere fatto leggere nelle scuole ed oggi è invece totalmente travisato, se non dimenticato. Ed appare forse beffardo che sia stata proprio la televisione, che nel romanzo è l'arma psicologia del Partito, ad essersi presa la vendetta sul Grande Fratello tramutandolo da minaccioso dittatore a zimbello delle masse.

Evidentemente però nella nostra Europa, situata a ventitré anni nel futuro dagli eventi narrati da Orwell (ma a quasi sessanta da quando furono stati concepiti dall'autore), c'è qualcuno che non solo ha letto il romanzo dello scrittore inglese ma lo ha anche apprezzato, tanto da volerne mettere in pratica se non gli insegnamenti quantomeno taluni metodi.

Per chi non lo sapesse, il libro descrive una futuribile (ma non tanto…) dittatura che, al contrario di tutte le altre del passato, fonda il suo potere non sulla forza delle armi e la violenza fisica bensì sulla forza della parola e la violenza psicologica. Adoperando con fredda ed implacabile ferocia tecniche di propaganda messe a punto con scientifica precisione, il Partito soggioga la psiche dei cittadini manipolandone sentimenti e addirittura ricordi, in modo da mantenerli costantemente in uno stato di soggezione psicologica da cui non riescono ad uscire. "Spacciare deliberate menzogne e credervi con purezza di cuore; dimenticare ogni avvenimento che è divenuto sconveniente e quindi, allorché ridiventa necessario, trarlo dall'oblio per tutto quel tempo che abbisogna; negare l'esistenza della realtà obiettiva e nello stesso tempo trar vantaggio dalla realtà che viene negata… tutto ciò è indispensabile, in modo assoluto.".

Il grandioso disegno del Partito è finalizzato al raggiungimento di uno stato di controllo definitivo sulle persone, ottenuto non mediante la repressione delle azioni sconvenienti ma lo sradicamento delle stesse forme di pensiero sconvenienti. La polizia del Partito non combatte i reati ma gli psicoreati, ossia l'idea stessa del reato. I cittadini sono così messi nella situazione in cui non solo non possono materialmente compiere azioni contrarie al volere del Partito, ma neppure avere idee sgradite ad esso.

Uno degli strumenti fondamentali di questo processo mirato all'inibizione della volontà stessa delle persone è la neolingua (in originale newspeak), una lingua artificiale inventata dal Partito e definita da un apposito Ministero la quale, modellata sulla base di un inglese estremamente semplificato, dovrà gradualmente sostituire la lingua correntemente scritta e parlata. Improntata in apparenza a criteri di razionalità ed economia di pensiero, la neolingua viene imposta alla gente come modello per migliorare l'efficienza e l'efficiacia della comunicazione verbale quotidiana. In neolingua sono ad esempio aboliti tutti i sinonimi (che bisogno c'è di dire "rapido" quando si può dire "veloce"?) e tutti i contrari, i quali vengono espressi semplicemente come negazione del termine opposto corrispondente (non "cattivo" ma "sbuono"). Le forme verbali sono ridotte al minimo o addirittura abolite, e gli aggettivi comparativi o superlativi sono realizzati mediante prefissi sulla forma base ("buono", "arcibuono", "arcipiùbuono"). Periodicamente il Partito pubblica nuove versioni del dizionario e della grammatica della neolingua, che sono sempre più poveri e schematici rispetto a quelli precedenti, con l'obiettivo di sradicare completamente l'inglese tradizionale entro il 2050.

Ma il vero diabolico scopo che sta dietro l'introduzione forzata della neolingua è in realtà il controllo del pensiero: eliminando infatti dal lessico tutte le parole scomode, e obbligando alla formulazione dei soli costrutti verbali consentiti dalla rigida e scarna struttura semantica della neolingua, il Partito vuole rendere impossibile dapprima la formulazione in parole di pensieri contrari alla sua filosofia, con l'obiettivo finale di rendere tali pensieri a lungo andare direttamente non formulabili dalla mente stessa! L'idea di base è che se una cosa non può essere detta, alla lunga non potrà più neppure essere pensata. Il condizionamento del pensiero passa dunque per il condizionamento della lingua: non avendo più a disposizione parole che esprimono concetti non ortodossi, né forme linguistiche idonee a rappresentarli, le persone smetteranno addirittura di pensarli. Non vi sarà così tecnicamente alcuna possibilità di compiere psicoreati, dato che sarà materialmente impossibile formulare pensieri non in linea con l'ortodossia politica del Partito.

A qualche acuto osservatore dei nostri tempi tutto ciò dovrebbe far venire in mente qualcosa. Sinistri presagi di neolingua già si agitano infatti già da qualche tempo innanzi a noi, magari sotto forma di quegli ipocriti eufemismi che vanno sotto il nome di political correctness: "non vedente" anziché "cieco", "diversamente abile" per "disabile", "migrante" o "appartenente ad etnia rom" per non dire "zingaro", "centro-destra" e centro-sinistra" al posto di "destra" e "sinistra". La parola vale più della realtà e condiziona i comportamenti più di un fatto concreto, come ben sa quell'azienda americana di fast-food che definisce i propri tre menù "medio", "grande" e "grandissimo" anziché, come sembrerebbe più normale, "piccolo" "medio" e "grande".

Ma questo, se vogliamo, è marketing: magari in campo sociale e politico, ma sempre di marketing si tratta. Ogni esperto del settore infatti sa bene che basta cambiare il nome ad una cosa per modificarne la percezione da parte delle persone, anche a parità di tutto il resto.

Il problema è che ultimamente dai segnali sotterranei si è passati a qualcosa che adombra un vero e proprio disegno orwelliano. O almeno a questo mi fanno pensare le parole del Commissario europeo Frattini quando sostiene che, per sradicare il fenomeno del terrorismo, occorre eliminare dai motori di ricerca le parole "scomode" quali bomba, genocidio o terrorismo. Molte organizzazioni che si battono per la libertà di espressione in Rete hanno già protestato parlando di censura, ma la cosa mi sembra molto più grave: l'intento del Commissario appare infatti assai più sottile e profondo, stando almeno alle dichiarazioni che ha rilasciato. Dice infatti Frattini: "Intendo portare avanti un esercizio di esplorazione con il settore privato su come sia possibile usare la tecnologia per evitare che la gente usi o cerchi parole pericolose". La gente dunque non deve usare parole pericolose! Sembra di sentire il Grande Fratello, e purtroppo non quello di Mediaset. Frattini sembra infatti sostenere che sono le parole ad essere pericolose, prima ancora che i concetti che rappresentano o i fatti che da essi discendono: non è dunque pericolosa solo la bomba ma anche il concetto di bomba, ed è dunque poco gradito il fatto che si possa usare la parola bomba.

Per la commissione europea per la sicurezza occorre dunque far sì che la gente non possa trovare in Rete parole proibite, perché così smetterà dapprima di pronunciarle e poi finalmente di pensarle, e tutti vivremo felici e contenti in un mondo libero da terroristi e criminali. Il prossimo passo naturalmente sarà quello di togliere le parole proibite dai dizionari e dalle enciclopedie, per poi passare gradualmente a riscrivere quotidiani e libri. Questa attività, come ben sa chi ha letto 1984, è proprio il compito istituzionale del Ministero della Verità: il cui motto è "Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato."

E nel frattempo cosa succederà? La psicopolizia europea sorveglierà tutte le query inviate ai motori di ricerca per individuare tutti coloro che usano parole proibite? "Lo psicoreato non comporta la morte: lo psicoreato è la morte" ci dice il povero Winston Smith. Lui pensava a sé stesso, io penso alla democrazia.

Saggio pubblicato su InterLex n° 359 del 17 settembre 2007 (Anno XI)
Copyright © 2007, Corrado Giustozzi. Tutti i diritti riservati.

Ultima modifica: 31 maggio 2009
Visitatori dal 6 maggio 2003: 115,609

Torna alla Pagina dei saggi pubblicati su InterLex
Vai alla Pagina dei Commenti

Copyright © 1995-2012 Corrado Giustozzi